INTERVISTE LO SAPEVI CHE

Camardo il caffè da 4 generazioni a Campobasso

Cropped Tazzina Caffe.jpg

A Campobasso è possibile degustare anche un caffè nato dalla passione di una famiglia che da più di 60 anni si dedica alla torrefazione. Un caffè campobassano che ha in se la miglior tradizione del caffè espresso italiano che vanta estimatori anche fuori dai confini nazionali. Il caffè Camardo e l’omonima azienda è un’altra delle tante eccellenze enogastronomiche della città. Uno dei tanti tesori nascosti che invitiamo di scoprire al turista che deciderà di soggiornare nel capoluogo di regione.

Camardo, una storia di una famiglia di cultori del caffè

La storia inizia nel 1948 e attraversa quattro generazioni. Nell’immediato dopoguerra, quando, durante un viaggio in Sud America, nonno Bartolomeo si avvicina, curioso ed appassionato, alla cultura del caffè. Pieno di entusiasmo e di passione, rientra in Italia e apre una bottega del caffè in Via Campo Marzio a Roma. Ma il suo sogno è di ritornare con il suo bagaglio di esperienza nella sua terra d’origine. Il Molise con il progetto di creare un futuro per la sua famiglia e per il suo territorio. Ricerca ed innovazione sono utilizzate nell’applicazione della selezione ottica bicromatica, per arrivare all’inconfondibile gusto del caffè Camardo, dalla qualità pregiata e costante.

Camardo - Nonno Bartolomeo
Nonno Bartolomeo – foto archivio www.caffecamardo.com

La prima bottega del caffè

Corre l’anno 1951 quando nonno Bartolomeo apre la sua prima bottega del caffè a Campobasso. Riceve in dono il ritratto della dea bendata, simbolo già nell’antichità di buoni auspici, che diventa l’immagine stessa di Caffè Camardo. La città natale è conquistata dal profumo del caffè appena tostato. Il risultato è oggi una grande famiglia, di cui ciascun collaboratore si sente parte.

Camardo - Caffe Camardo
foto archivio www.caffecamardo.com

Camardo oltre i confini regionali

Negli anni ‘70, grazie alla preziosa collaborazione dei figli Felice e Giuseppe, la nostra azienda è tra le prime in Italia ad esportare il caffè tostato e miscelato all’italiana verso i mercati dell’Australia, del Canada e degli Stati Uniti. Durante gli stessi anni, in seguito al successo delle nostre miscele di caffè, realizziamo un nuovo stabilimento sviluppato su una superficie di circa 20.000 mq in cui, grazie alla presenza di impianti all’avanguardia e all’esperienza industriale di famiglia, si raggiungono i più alti livelli di know-how. Caffè Camardo è nel mondo. Nel 2008, per promuovere la cultura dell’espresso italiano di qualità, inauguriamo numerose caffetterie “Camardo Coffee”, di cui la prima a Seul in Corea. Qui ognuno può degustare l’espresso perfetto, piacevolmente immerso in un’atmosfera di assoluto relax”.

Camardo - La Famiglia Camardo
la famiglia Camardo – foto archivio www.camardocaffe.com

Camardo e l’Accademia del caffè

“Nel 2016 inauguriamo l’Accademia Master Baristi, con l’obiettivo di diffondere la cultura del caffè. Passione, arte e saperi si uniscono grazie all’esperienza di quattro generazioni. Nel 2018 lanciamo il progetto Baya Roja, arabiche selezionate di eccellenza provenienti dalle migliori coltivazioni del mondo. Uomo e natura insieme per una pregiata commistione di aromi e sapori. Singole origini per un gusto che non si dimentica! La nostra formazione nel corso degli anni si è evoluta fino a diventare una vera e propria accademia. Nella sua variante più antica, diventa uno spazio in cui assaporare e degustare il caffè e soprattutto, come succede in una accademia, preparato ad arte. Una cultura, quella del caffè, divulgata e da divulgare in tutto il mondo. Il caffè pertanto diventa un vero e proprio insegnamento accademico. Non basta avere un espresso eccezionale, servono anche delle vere e proprie regole”.

Camardo - Academia
foto archivio www.caffecamardo.com
Stefano Venditti

Autore: Stefano Venditti

Stefano Venditti nasce a Campobasso il 01/11/1973. La passione per la scrittura e per il giornalismo matura già in tenera età quando alle scuole medie, al Convitto Nazionale “Mario Pagano”, diventa direttore del giornalino scolastico “Mare Nostrum”. Crescendo il suo desiderio di scrivere e di raccontare storie inedite aumenta e decide di improntare il suo percorso professionale proprio al mondo del giornalismo e della comunicazione frequentando anche corsi e master specialistici a Roma e Milano sia nel campo dell’informazione religiosa, sia sportiva, anche televisiva, sia di web journalism. Dal 1997 svolge la professione di giornalista e di addetto stampa e nel 2000 si iscrive all’Ordine dei Giornalisti del Molise nella sezione pubblicisti. Proprio per aumentare il proprio bagaglio culturale compie esperienza in tutti i campi della comunicazione e del giornalismo: quotidiani, settimanali, mensili, radio, tv, internet, web tv e dirige varie testate ed uffici stampa. Il periodo più formante a livello professionale lo svolge all’interno della redazione del quotidiano “Il Tempo” di Campobasso e nell’ufficio stampa del Cip Molise. Ma la sua vera passione è lo scrivere soprattutto di notizie che spesso non trovano il meritato risalto sugli organi di stampa. La sua aspirazione lo porta anche a tenere lezioni di giornalismo nelle scuole di ogni ordine e grado della provincia di Campobasso e alla creazione di diversi giornali scolastici con il progetto “Newsparer game”, ma anche all’interno di programmi formativi di alcune associazioni di volontariato campobassane. E’ stato anche relatore di alcuni seminari sullo sport paralimpico della formazione continua promossi ed organizzati dall’ODG del Molise. Dal mese di giugno del 2018, con la moglie Maria e il figlio Marco, si è trasferito in Emilia Romagna per trovare nuovi stimoli e per allargare il proprio orizzonte professionale
Camardo il caffè da 4 generazioni a Campobasso ultima modifica: 2019-08-30T10:44:22+02:00 da Stefano Venditti

Commenti

To Top