LO SAPEVI CHE NEWS

Fred Bongusto il Frank Sinatra di Campobasso

Fred Bongusto - Concerto Fred

Campobasso e il Molise si sono risvegliati tristi questa mattina. Uno dei suoi figli più famosi in tutto il mondo. Che da sempre ha portato in auge il nome della sua città natia e della sua terra d’origine, si è purtroppo spento. Stiamo parlando di Fred Bongusto che con la sua morte lascia un profondo vuoto nella musica italiana e mondiale. Un cantore dell’amore a bassa voce che con le sue canzoni ha fatto innamorare generazioni e generazioni di giovani

Fred Bongusto, un campobassano doc

Fred Bongusto non ha mai negato le sue origini. Origini di provincia in una Campobasso del 1935. Era un campobassano doc, per così dire, e le sue origini erano radicate nel cuore del centro storico della città in via Marconi. Un legame che a volte gli è stato stretto ma che, alla fine, lo ha stimolato ancor di più a perseguire i suoi sogni, i suoi desideri, le sue aspettative. E’ pur vero che ha dovuto abbandonare la sua città per trasformarsi da Alfredo Antonio Carlo Bongusto, così all’anagrafe, a Fred Bongusto. Ma Campobasso gli è sempre rimasta nel cuore. Quel cuore che ha sempre messo nelle sue canzoni e che ha fatto si che la sua musica cordiale e mai volgare si tramutasse nella colonna sonore di molteplici vite di uomini e donne sparsi in tutto il mondo

Primo Piano Fred
fonte foto copertina e foto https://www.facebook.com/pg/fredbongusto/photos/?ref=page_internal

Fred Bongusto e il suo amore/odio per Campobasso

Nemo profeta in patria. Mai detto fu più indicato a descrivere il rapporto di amore/odio che c’era tra Fred Bongusto e la sua città natale. In effetti a Campobasso non tutti “tifavano” per lui, anzi. Molti erano i suoi detrattori o coloro che lo snobbavano nel tipico luogo comune di una cittadina di provincia. Campobasso, però, gli è sempre rimasta nel cuore tanto da dedicarle ben due canzoni. La prima “Molise Puzzess Accise”, il titolo descrive bene la dicotomia tra l’amore e l’odio che era presente nel cuore di Fred per Campobasso. La seconda “Campobasso e il gabbiano”. Lo stesso Fred cantò in occasione dei festeggiamenti per la promozione del Campobasso in C2 nel 2001 nella centralissima piazza Municipio

Concerto Da Giovane Fred
fonte foto https://www.facebook.com/pg/fredbongusto/photos/?ref=page_internal

Fred Bongusto e il ritrovato amore per Campobasso

Ma il tempo ha dato ragione al mitico Fred Bongusto. Infatti Campobasso e i campobassani hanno riscoperto il talento e la musicalità del proprio concittadino. Grazie e soprattutto all’Associazione Talenti e Artisti Molisani, e grazie alla caparbietà del presidente Michele Falcione e alla competenza del cantante molisano Antonello Carrozza, da qualche anno, nella cornice del teatro Savoia, andava in scena una manifestazione del titolo “Buon compleanno Fred” che voleva proprio omaggiare l’illustre musicista e compositore. L’ultima apparizione di Fred Bongusto in quel di Campobasso avvenne nel 2009 proprio sul palco del Savoia. In quell’occasione regalò a Campobasso e ai campobassani ben due ore di concerto. L’ultimo riconoscimento importante che ha avuto nella sua lunga vita costellata di soddisfazioni è stato nel 2007. La nomina a Commendatore della Repubblica dalle mani dell’allora Presidente Carlo Azeglio Ciampi

Foto Storica Fred
fonte foto https://www.facebook.com/pg/fredbongusto/photos/?ref=page_internal

I suoi funerali

I funerali saranno celebrati a Roma, lunedì 11 novembre, alle ore 15.00, nella Basilica di Santa Maria in Montesanto, la Chiesa degli artisti in piazza del Popolo. A Campobasso già si stanno organizzando per giungere nella Capitale per rendere l’ultimo saluto ad un amico, un musicista, un cantante, un mito che da sempre ha fatto parte della vita di moltissimi italiani, e non solo. Le sue canzoni, infatti, sono un patrimonio culturale ineguagliabile che su vinili o i più moderni cd hanno fatto sognare generazioni di uomini e donne che credevano profondamente nell’amore cantato nei versi da Fred Bongusto.

Foto In Bianco E Nero Fred
fonte foto https://www.facebook.com/pg/fredbongusto/photos/?ref=page_internal
Stefano Venditti

Autore: Stefano Venditti

Stefano Venditti nasce a Campobasso il 01/11/1973. La passione per la scrittura e per il giornalismo matura già in tenera età quando alle scuole medie, al Convitto Nazionale “Mario Pagano”, diventa direttore del giornalino scolastico “Mare Nostrum”. Crescendo il suo desiderio di scrivere e di raccontare storie inedite aumenta e decide di improntare il suo percorso professionale proprio al mondo del giornalismo e della comunicazione frequentando anche corsi e master specialistici a Roma e Milano sia nel campo dell’informazione religiosa, sia sportiva, anche televisiva, sia di web journalism. Dal 1997 svolge la professione di giornalista e di addetto stampa e nel 2000 si iscrive all’Ordine dei Giornalisti del Molise nella sezione pubblicisti. Proprio per aumentare il proprio bagaglio culturale compie esperienza in tutti i campi della comunicazione e del giornalismo: quotidiani, settimanali, mensili, radio, tv, internet, web tv e dirige varie testate ed uffici stampa. Il periodo più formante a livello professionale lo svolge all’interno della redazione del quotidiano “Il Tempo” di Campobasso e nell’ufficio stampa del Cip Molise. Ma la sua vera passione è lo scrivere soprattutto di notizie che spesso non trovano il meritato risalto sugli organi di stampa. La sua aspirazione lo porta anche a tenere lezioni di giornalismo nelle scuole di ogni ordine e grado della provincia di Campobasso e alla creazione di diversi giornali scolastici con il progetto “Newsparer game”, ma anche all’interno di programmi formativi di alcune associazioni di volontariato campobassane. E’ stato anche relatore di alcuni seminari sullo sport paralimpico della formazione continua promossi ed organizzati dall’ODG del Molise. Dal mese di giugno del 2018, con la moglie Maria e il figlio Marco, si è trasferito in Emilia Romagna per trovare nuovi stimoli e per allargare il proprio orizzonte professionale
Fred Bongusto il Frank Sinatra di Campobasso ultima modifica: 2019-11-08T15:26:51+01:00 da Stefano Venditti

Commenti

To Top