I CAMPOBASSANI RACCONTANO CAMPOBASSO

itCampobasso

LO SAPEVI CHE NEL MONDO

La miglior traduttrice dal russo è una ragazza molisana

Lialiana Scala

Traduttrice. E’ un legame che nasce da lontano quello tra la giovane termolese Liliana Scala e la cultura del popolo russo. Un legame profondo e di reciproco amore che affonda le sue radici nell’adolescenza di Liliana. Quando grazie ad un suo zio fu avvicinata alla letteratura russa. Da quelle prime letture Liliana scoprì un affetto decisamente fuori dal comune per la storia, la cultura, le tradizioni, la letteratura del popolo russo.

Traduttrice, il fascino della Russia

Così, crescendo, Liliana decise di far maturare questa sua passione e iniziare un percorso di studi. Che le potesse permettere di ampliare la sua conoscenza della Russia e del suo immenso patrimonio umano e culturale. “Ho avuto modo, grazie a borse di studi in Russia, di poter vivere dal vivo quello che avevo letto nei romanzi quando ero bambina. Grazie a queste opportunità ho apprezzato la grande ed universale comprensione del popolo russo che va al di là dei confini nazionali. I russi hanno una gentilezza innata, una cordialità estrema ed una capacità invidiabile di accogliere lo straniero. La Russia è un paese dai confini territoriali quasi infiniti e questa vastità si rispecchia anche nella sua cultura – ha spiegato Liliana Scala – ”. Liliana Scala, dopo un periodo di studi a Londra, ha frequentato il corso di Lingue e Culture Comparate all’Università L’Orientale di Napoli e numerosi corsi di perfezionamento come borsista.

Traduttrice - Cartina Russa

Traduttrice, un punto di partenza importante

Ha partecipato alle giornate della traduzione letteraria (FUSP – Fondazione Universitaria San Pellegrino) e presto ha discusso una tesi sul teatro russo d’avanguardia per la quale ha tradotto la “Veselaja Smert’” di Evreinov. Non è stato facile vincere il Premio Raduga visto che è stata tra le più interessanti e valide degli ultimi anni per la compresenza di contendenti di altissimo livello qualitativo. I vincitori scelti tra più di 140 autori partecipanti che, aggiunti ai 27 traduttori, fanno del Premio Raduga l’edizione dei record a testimonianza del fatto che la nuova stagione nei rapporti interculturali tra Italia e Russia comincia anche dalla narrativa e dalle giovani penne che il concorso scopre ogni anno. L’obiettivo del Premio, infatti, è quello di lanciare nuovi talenti nel mondo editoriale, assicurando ai vincitori la pubblicazione sull’Almanacco Letterario, distribuito sia in Italia che in Russia.

Traduttrice - Chiesa Russa

I migliori traduttori

“Il premio è riservato ad esordienti, vale a dire a giovani scrittori e traduttori alle prime esperienze ed è realizzato grazie al supporto del Centro Russo di Scienza e Cultura di Roma (RosSotrudnichestvo). Dell’Istituto Italiano di Cultura a Mosca, con il patrocinio di Rospechat’, dell’Agenzia Federale per la stampa e le comunicazioni di massa della Federazione Russa e il sostegno di Banca Intesa. Del gruppo editoriale Azbooka-Atticus e di Giangiacomo Feltrinelli Editore. Ad essere stati ammessi alla fase finale del concorso 5 racconti russi e 5 italiani. Questi racconti valutati dalle giurie dei due Paesi, composte da personalità dell’editoria e del panorama letterario e presiedute da Inge Feltrinelli, presidente Giangiacomo Feltrinelli Editore, per la sezione italiana e dal rettore dell’Istituto Gor’kij, Boris Tarasov per la sezione russa. Alla fine sono stati premiati i migliori traduttori dal russo e dall’italiano”.

 Guardie Russe

Un sogno chiamato Russia

“Il mio racconto si intitolava “Un po’ di tepore in una sera di neve” della scrittrice russa Marina Stepnova, una scrittrice contemporanea. E’ un racconto molto toccante visto che narra di una donna malata di cancro allo stadio terminale. Che fino alla fine dei suoi giorni riesce a svolgere in maniera egregia ed energica il suo ruolo di mamma con i propri figli – ha detto Liliana Scala –“. Il futuro della giovane traduttrice termolese, dunque, si prospetta in terra russa. Dove Liliana ha quasi trovato una seconda casa, una seconda patria. Dove poter mettere a frutto tutte le sue potenzialità e tutto il suo talento letterario. Non a caso ha anche vinto una borsa di studio che le ha aperto le porte anche di una regione molto interessante della Russia, la Siberia.

Traduttrice - Metropolitana Russa

Un futuro radioso

“Il destino in passato mi ha fatto un brutto scherzo. E dato che sono riuscita ad avere una seconda possibilità nella mia vita ho deciso di dar corpo alle mie passioni. Quello che mi auguro è di avere l’opportunità di avere un’esperienza ancor più coinvolgente in Russia. Magari attraverso un tirocinio nel mondo dell’editoria o nel campo dell’insegnamento. La vittoria del concorso mi ha regalato emozioni forti e difficili da spiegare a parole. Ma mi auguro che questo sia solo un punto di partenza sul quale poter costruire il mio futuro lavorativo e professionale – ha concluso Liliana Scala –“.

Traduttrice - Piazza Rossa
La miglior traduttrice dal russo è una ragazza molisana ultima modifica: 2020-05-30T10:00:00+02:00 da Stefano Venditti
To Top