EVENTI SPORT

Su e Giù e Campobasso un legame lungo 46 anni

Su e Giù - Logo Su E Giu

E’ a tutti gli effetti una grande festa non solo per Campobasso ma per l’interno Molise. Domenica 17 novembre sarà il giorno della Su e Giù la più importante manifestazione sportiva non agonistica della regione e non solo. Ogni anno, infatti, a Campobasso si radunano più di 5 mila persone che con il loro entusiasmo percorrono le strade più rievocative della città. Nutrita, come ogni anno, anche la partecipazione di atleti e non provenienti da tutto il centro-sud Italia.

Su e Giù, la prima volta senza Domenico Fratianni

Domenica, come detto, sarà una autentica festa dello sport e dello stare insieme. Una corsa che vedrà sulla linea di partenza non solo atleti professionisti, ma anche soprattutto bambini, mamme con passeggini, persone con il proprio animale domestico. Una manifestazione aperta a tutti che ha come scopo primario quello della riscoperta degli angoli più caratteristici della città. Una festa che, però, sarà velata di tristezza. La 46° edizione, infatti, sarà dedicata alla memoria del Maestro Domenico Fratianni, scomparso lo scorso luglio a Matera. Il Maestro Fratianni, infatti, negli ultimi 18 anni, aveva disegnato le medaglie consegnate a tutti i partecipanti della corsa più importante del Molise. La Su e Giù è il momento più alto di partecipazione e di condivisione targato GS Virtus Campobasso. Tutti uniti in un grande e affettuoso abbraccio alla città e alla sua storia e cultura

Su e Giù - - Panoramica Della città di Campobasso
una veduta del capoluogo di regione

Su e Giù, le novità targate 2019

Diverse le novità promosse per quest’anno dal GS Virtus Campobasso. L’edizione 2019 sarà ricordata come confacente ai più alti standard di sostenibilità ambientale. La Virtus ha infatti aderito al progetto Zero Waste Blue. Progetto che ha come obiettivo l’organizzazione di eventi sportivi che possano sensibilizzare la collettività al tema del rispetto della natura. A tal proposito durante la gara, nei punti ristoro, i bicchieri di plastica verranno sostituiti da altri fatti di materiale totalmente compostabile. Lungo il percorso i giudici di gara saranno dotati di bici e scooter elettrici. Alla partenza, ad aprire la manifestazione ci saranno un’auto ibrida ed una elettrica. Inoltre verranno consegnati ai bambini palloncini in lattice biodegradabile al 100%. Domenica 17, inoltre, saranno presenti in piazza Municipio gli stand della Coldiretti che distribuiranno prodotti agricoli a “chilometro zero”

Percorso

La cultura e lo sport binomio vincente

Come detto la Su e Giù non è solo sport, ma anche e soprattutto promozione turistico-culturale. Il GS Virtus, infatti, ha coinvolto i Poli Museali dei Misteri e il Museo Sannitico che, sabato 16 e domenica 17, saranno aperti al pubblico. A partire da venerdì 15 inoltre il classico maxischermo animerà il Corso cittadino e, in piazza del Municipio, verrà allestito uno stand in cui sarà possibile, attraverso appositi visori, vivere un’esperienza virtuale lungo il percorso della Su e Giù. Per iscriversi alla manifestazione sarà necessario recarsi in uno dei venti punti “gialloblu” oppure online. Recandosi presso uno dei punti di iscrizione si riceverà una copia del giornale della Virtus “Il Giallo più Blu” attraverso il quale sarà possibile partecipare al concorso per disegnare la medaglia della prossima edizione della manifestazione

Su e Giù - Una Veduta Del borgo Storico
il Borgo Medievale
Stefano Venditti

Autore: Stefano Venditti

Stefano Venditti nasce a Campobasso il 01/11/1973. La passione per la scrittura e per il giornalismo matura già in tenera età quando alle scuole medie, al Convitto Nazionale “Mario Pagano”, diventa direttore del giornalino scolastico “Mare Nostrum”. Crescendo il suo desiderio di scrivere e di raccontare storie inedite aumenta e decide di improntare il suo percorso professionale proprio al mondo del giornalismo e della comunicazione frequentando anche corsi e master specialistici a Roma e Milano sia nel campo dell’informazione religiosa, sia sportiva, anche televisiva, sia di web journalism. Dal 1997 svolge la professione di giornalista e di addetto stampa e nel 2000 si iscrive all’Ordine dei Giornalisti del Molise nella sezione pubblicisti. Proprio per aumentare il proprio bagaglio culturale compie esperienza in tutti i campi della comunicazione e del giornalismo: quotidiani, settimanali, mensili, radio, tv, internet, web tv e dirige varie testate ed uffici stampa. Il periodo più formante a livello professionale lo svolge all’interno della redazione del quotidiano “Il Tempo” di Campobasso e nell’ufficio stampa del Cip Molise. Ma la sua vera passione è lo scrivere soprattutto di notizie che spesso non trovano il meritato risalto sugli organi di stampa. La sua aspirazione lo porta anche a tenere lezioni di giornalismo nelle scuole di ogni ordine e grado della provincia di Campobasso e alla creazione di diversi giornali scolastici con il progetto “Newsparer game”, ma anche all’interno di programmi formativi di alcune associazioni di volontariato campobassane. E’ stato anche relatore di alcuni seminari sullo sport paralimpico della formazione continua promossi ed organizzati dall’ODG del Molise. Dal mese di giugno del 2018, con la moglie Maria e il figlio Marco, si è trasferito in Emilia Romagna per trovare nuovi stimoli e per allargare il proprio orizzonte professionale
Su e Giù e Campobasso un legame lungo 46 anni ultima modifica: 2019-11-13T19:23:45+01:00 da Stefano Venditti

Commenti

To Top