Altilia di Sepino: Gli antichi romani in Molise - itCampobasso

itCampobasso

MONUMENTI

Altilia di Sepino: Gli antichi romani in Molise

Teatro romano nel sito archeologico di Altilia di Sepino

L’Altilia di Sepino è una splendida testimonianza del passaggio delle civiltà più antiche nel territorio molisano. Durante il primo millennio a.C., l’intera area che oggi rappresenta la regione Molise (e altre aree delle limitrofe regioni di Campania e Abruzzo) era occupata da un popolo italico suddiviso in diverse tribù: i Sanniti.

Popolo particolarmente bellicoso, i Sanniti sono stati tra i principali oppositori all’espansione dei Romani nell’area del centro Italia. Essendo quella sannita una società rurale, i villaggi erano poco estesi e non presentavano costruzioni di particolare rilievo.

Nella storia di questo popolo si annovera una grande resistenza nei confronti dell’espansionismo dei romani, popolo molto più preparato sia dal punto di vista militare che economico. L’ultima delle tre guerre sannitiche (290 a.C), vide il trionfo definitivo di Roma, che continuò la propria politica di espansione proprio nei confronti dei Sanniti, loro principali rivali.

Sono molte le Testimonianze del passaggio dei romani nell’area dove oggi sorge la regione Molise, ed una delle più famose e tutt’oggi visibili è sicuramente l’antica Altilia.

Altilia Di Sepino Porta
Foto di Visitali

Il parco archeologico

L’Altilia di Sepino è un sito di interesse storico fondamentale per la regione Molise. Nel 2019 infatti, è stato uno dei luoghi più amati dai turisti, con un totale di 27.000 visite.

Il sito si estende per 12 ettari, e si trova nei pressi di un importante snodo stradale: il tratturo Pescasseroli-Candela. Uno tra i più lunghi di tutta l’antica rete viaria dell’Italia meridionale.

L’ingresso al parco archeologico è gratuito, e vi si può accedere tramite quattro splendide porte: porta Bojano, porta, porta Tammaro, porta Benevento e porta Terravecchia. Le strade dell’antico villaggio seguono lo schema classico adottato per gli accampamenti e i villaggi dell’epoca romana: Il Decumano è la strada che attraversa l’insediamento da est a ovest, mentre il Cardo lo attraversa da nord a sud.

Passeggiando per queste due strade principali, si possono ammirare i resti delle antiche costruzioni dei popoli che hanno vissuto qui. Rovine di antiche botteghe, fontane, colonne e bagni termali. Ma la costruzione simbolo di tutta l’antica città è sicuramente il foro. In questo luogo si svolgevano numerose attività, sia di tipo culturale che politico, ai quali accorrevano un gran numero di persone.

Ancora visibile oggi per buona parte è il teatro, luogo dove gli antichi romani usavano intrattenersi. Nei pressi dell’antico teatro, oggi sorge il museo, dove sono custodite alcune delle scoperte più importanti fatte durante gli scavi.

Visitare Altilia di Sepino

Il parco archeologico è sempre aperto e l’accesso è gratuito. Per quanto riguarda il museo invece, il costo va da 1€ a 3€, ed è possibile prenotare in gruppo per partecipare alle diverse attività che si svolgono all’interno dell’area.

Se siete interessati ad organizzare una visita in gruppo, a questo link potrete trovare tutti i contatti per organizzare al meglio la vostra escursione!

Altilia di Sepino: Gli antichi romani in Molise ultima modifica: 2022-03-25T10:20:15+01:00 da Mario Maio

Commenti

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Promuovi la tua azienda in Italia e nel Mondo
To Top
2
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x